Download ma i comici non se le scrivono da soli in pdf or read ma i comici non se le scrivono da soli in pdf online books in PDF, EPUB and Mobi Format. Click Download or Read Online button to get ma i comici non se le scrivono da soli in pdf book now. This site is like a library, Use search box in the widget to get ebook that you want.



Ma I Comici Non Se Le Scrivono Da Soli

Author: Leo Sorge
Publisher: Lulu.com
ISBN: 1409233146
Size: 20.24 MB
Format: PDF, ePub
View: 4088
Download and Read
Consigli su come scrivere testi per il cabaret seguendo i consigli di un autore di personaggi famosi, con alcuni suggerimenti per lavorare e per presentare gli esordi nel magico e gratuito mondo dei blog.

Quell Indirizzo Dentro

Author: Luca Parisotto
Publisher: Youcanprint
ISBN: 8827812946
Size: 11.41 MB
Format: PDF, Mobi
View: 6965
Download and Read
Da dove veniamo, perché esistiamo, dove siamo diretti? Sono quesiti fondamentali per cui l'approccio suggerito dalle religioni spesso non risulta convincente. Alla ricerca di un metodo di indagine più razionale, l'autore propone una modalità maggiormente scientifica e adatta all'uomo moderno. Analisi sviluppata sul filo conduttore delle nostre inclinazioni naturali che qualsiasi "pensatore" troverà stimolante per elaborare riflessioni profonde in grado di contribuire al proprio livello di soddisfazione e benessere.

I Pensieri Di Oracolo Raccolta 2007 2008

Author: Sergio Maccari
Publisher: Lulu.com
ISBN: 1409270157
Size: 39.53 MB
Format: PDF, ePub
View: 6955
Download and Read
Il libro è costituito da due parti: la prima è scritta con un approccio giornalistico, l'altra è una messaggeria romantica. Nella prima parte Oracolo, una via di mezzo tra Socrate e Zio Paperino, esprime la sua opinione sui fatti di attualità del biennio 2007-2008. Nella seconda, la sezione romantica, ci sono i messaggi d'amore di Oracolo scritti alle ragazze incontrate la mattina prima di andare a lavorare. Il libro contiene la prefazione di Claudio Fois, autore per "Striscia la Notizia" e per la Gialappa's. Le 24 vignette sono di Ilaria Castellani Perelli. Annotation Supplied by Informazioni Editoriali

Palermo E La Sicilia

Author: Antonio Giangrande
Publisher: Antonio Giangrande
ISBN:
Size: 51.56 MB
Format: PDF, ePub, Docs
View: 7260
Download and Read
E’ comodo definirsi scrittori da parte di chi non ha arte né parte. I letterati, che non siano poeti, cioè scrittori stringati, si dividono in narratori e saggisti. E’ facile scrivere “C’era una volta….” e parlare di cazzate con nomi di fantasia. In questo modo il successo è assicurato e non hai rompiballe che si sentono diffamati e che ti querelano e che, spesso, sono gli stessi che ti condannano. Meno facile è essere saggisti e scrivere “C’è adesso….” e parlare di cose reali con nomi e cognomi. Impossibile poi è essere saggisti e scrivere delle malefatte dei magistrati e del Potere in generale, che per logica ti perseguitano per farti cessare di scrivere. Devastante è farlo senza essere di sinistra. Quando si parla di veri scrittori ci si ricordi di Dante Alighieri e della fine che fece il primo saggista mondiale. Le vittime, vere o presunte, di soprusi, parlano solo di loro, inascoltati, pretendendo aiuto. Io da vittima non racconto di me e delle mie traversie. Ascoltato e seguito, parlo degli altri, vittime o carnefici, che l’aiuto cercato non lo concederanno mai. “Chi non conosce la verità è uno sciocco, ma chi, conoscendola, la chiama bugia, è un delinquente”. Aforisma di Bertolt Brecht. Bene. Tante verità soggettive e tante omertà son tasselli che la mente corrompono. Io le cerco, le filtro e nei miei libri compongo il puzzle, svelando l’immagine che dimostra la verità oggettiva censurata da interessi economici ed ideologie vetuste e criminali. Rappresentare con verità storica, anche scomoda ai potenti di turno, la realtà contemporanea, rapportandola al passato e proiettandola al futuro. Per non reiterare vecchi errori. Perché la massa dimentica o non conosce. Denuncio i difetti e caldeggio i pregi italici. Perché non abbiamo orgoglio e dignità per migliorarci e perché non sappiamo apprezzare, tutelare e promuovere quello che abbiamo ereditato dai nostri avi. Insomma, siamo bravi a farci del male e qualcuno deve pur essere diverso!